SANTA DOMENICA DI PLACANICA (RC) – “Dove la Madonna si manifesta, come a Fatima, Lourdes e in questo luogo, la Vergine si fa mediatrice di grazie e invita gli uomini a convertirsi”. Ad affermarlo, l’arcivescovo Vincenzo Bertolone, presidente della conferenza episcopale calabra, in visita al rinomato Santuario Nostra Signora dello Scoglio, a Santa Domenica di Placanica. Ad accogliere monsignor Bertolone, accompagnato da don Francesco Candia, il fondatore del santuario mariano, Fratel Cosimo Fragomeni, con il quale, il successore degli Apostoli, si è trattenuto in un clima di fraternità e cordialità, il presidente della Comunità, Cosimino Franco, il coordinatore generale, dott. Giuseppe Cavallo e i consiglieri della comunità, Khaty Minniti e Nicola Spanò. Il presidente della conferenza episcopale calabra, oltre a visitare lo Scoglio, dove l’11 maggio 1968 è apparsa la Madonna a Fratel Cosimo, ha celebrato la Santa Messa proprio all’interno della preziosa cripta posta sotto lo Scoglio benedetto. In un’atmosfera mistica, impregnata di intensa spiritualità, monsignor Bertolone ha esortato a credere fermamente nel Signore e di pregare la Sua e nostra Santa Madre dicendo: “Qui, in questo luogo santo, di riconciliazione con il Signore, dove so che moltissime persone si confessano e si accostano ai sacramenti, si deve avere sempre l’obiettivo di migliorare sé stessi, attraverso un intensificazione della preghiera alla Madonna e una vicinanza alla Parola di Dio, che deve essere testimoniata, quotidianamente, con l’amore verso il prossimo. A tutti nella vita capitano momenti di sofferenza” – ha continuato monsignor Bertolone – “ma bisogna guardare al Crocifisso, che ci dice, guarda come io ti ho amato!”. Fratel Cosimo, dal proprio canto, si è detto felicissimo di incontrare l’arcivescovo, e si è trattenuto con lui in un colloquio privato, breve ma intenso, in cui ha potuto raccontare l’evoluzione del santuario mariano da lui fondato. Un santo luogo che, a distanza di un anno e tre mesi dalla sua elevazione, registrerà l’inaugurazione del Santuario Nostra Signora dello Scoglio, costruito a tempo record, grazie all’impegno e ai sacrifici quotidiani di Fratel Cosimo, alle offerte generose dei fedeli e alla amorevole cura pastorale di monsignor Oliva, vescovo della Diocesi di Locri – Gerace, che presiederà, il dieci maggio, alle ore 18:00, la cerimonia di inaugurazione.  Gli attivi volontari della comunità mariana, che segue Fratel Cosimo da trent’anni,  proprio in vista dello storico e speciale evento, sono già impegnati nella definizione degli ultimi aspetti organizzativi, allo scopo di accogliere la moltitudine che giungerà nelle due date, il dieci e undici maggio, nel nuovo Santuario che, come ha ricordato Fratel Cosimo “Sarà degno della Madonna e di tutti i Suoi devoti”. Il programma dettagliato della due giorni, prevede, dopo la solenne dedicazione del Santuario a Nostra Signora dello Scoglio, lo svolgimento di una breve ma solenne processione mariana con le fiaccole. Per l’intera notte, poi, l’adorazione eucaristica. L’undici maggio, fin dalle prime luci dell’alba si susseguiranno vari momenti di preghiera che culmineranno, nel pomeriggio, con: l’evangelizzazione di Fratel Cosimo; la solenne concelebrazione eucaristica presieduta dal vescovo Oliva; la processione eucaristica; la preghiera di intercessione di Fratel Cosimo per tutti gli ammalati e i sofferenti, alla presenza del Santissimo Sacramento, esposto all’adorazione dei fedeli; la benedizione eucaristica. Quest’anno si prevede un notevole afflusso di fedeli, sia per le buone condizioni delle strade, sia per la possibilità, grazie alla realizzazione di nuove aree parcheggio, di giungere con i bus fino al santuario.